Categoria: Passeggiate

Sabato 7 marzo alle ore 10.30 ci incontriamo in piazza Trilussa per andare a scoprire il cuore di Trastevere. La XIV regio augustea conserva ancora oggi il suo carattere antico e popolare. A ridosso del fiume Tevere, la storia del rione si intreccia indissolubilmente a quella del fiume che ha permesso una ininterrotta occupazione del suolo e la conservazione  dell’intricato groviglio di vicoli nei quali ancora oggi volentieri ci perdiamo. Nonostante sia stato stravolto dalla costruzione del Viale del Re, oggi viale Trastevere, l’antico tessuto urbanistico è rimasto riconoscibile. Ci addentreremo tra palazzi nobiliari e chiese medievali, storie, leggende e ricordi di personaggi indimenticabili. Passeggiata affascinante e adatta a tutti. Prenotazione obbligatoria a info@arttur.it; oppure per sms a 3356525919 (Federica ) o 3397138467 (Lara). Costo della visita guidata euro 7 (3 per ragazzi fino a 14 anni e 1.50 per bambini fino a 10 anni).

 

Domenica 1 marzo alle ore 10.30 ci vediamo in viale Ostiense 106 per visitare un esempio straordinario di archeologia industriale riconvertita in sede museale. La Centrale Montemartini fu il primo impianto in Roma per la produzione pubblica di energia elettrica. In esposizione la grandiosa caldaia della Centrale, alta 15 metri, i due immensi motori diesel prodotti dalla ditta Tosi di Legnano del peso di 81 tonnellate ciascuno e macchinari e strumenti pertinenti alla centrale iniziata nel 1912. Tra le macchine si trovano in esposizione reperti provenienti dalle collezioni comunali di Roma. Il famoso frontone del tempio di Apollo Sosiano, il grandioso mosaico ritrovato durante gli scavi per la  realizzazione del sottopasso di Santa Bibiana, statue di insuperabile raffinatezza provenienti dagli Horti Romani, come il bellissimo Marsia dalla Villa delle Vignacce di II sec.d.C. Nella sala che ospitava la seconda caldaia della centrale, inoltre, si trova oggi il treno di Pio IX, il più antico treno esistente oggi in Italia. Tre incredibili carrozze, la Cappella, La Sala del Trono e la Loggia delle Benedizioni, realizzate per il papa Mastai Ferretti in Francia. Infine è visibile all’interno del museo il sarcofago e il corredo della bambina romana di nome Crepereia Tryphena trovato durante i lavori per la realizzazione dei muraglioni del Tevere. Tra gli oggetti di grande valore, come monili e  collane è esposta una bambola in avorio con le braccia e le gambe snodabili. Il suo giocattolo.

Prenotazione obbligatoria a info@arttur.it; oppure per sms  a 3356525919 (Federica) o 3397138467 (Lara). Ingresso gratuito per la prima domenica del mese. Costo della visita guidata euro 7 (3 per i ragazzi fino a 14 anni e 1,50 per i bambini fino a 10 anni).

In occasione delle celebrazioni per il Cinquecentenario della morte di Raffaello Sanzio (Urbino 1483-Roma 1520) proponiamo un itinerario celebrativo alla scoperta delle grandi opere che il grande artista del Rinascimento ha lasciato nella nostra città. L’itinerario si snoda in una giornata intera.
La Villa della Farnesina: una delle più nobili e armoniose realizzazioni del Rinascimento italiano. Nei sobri progetti concepiti dall’architetto Baldassarre Peruzzi si inserisce il ricco programma decorativo degli interni realizzato da sommi maestri come Raffaello, Sebastiano del Piombo, Sodoma, Peruzzi. (Ingresso a pagamento).
Passeggiata “sulle orme di Raffaello”: l’itinerario ha inizio da Piazza del Popolo, dove, nella Chiesa di Santa Maria del Popolo, visiteremo la Cappella Chigi, progettata da Raffaello . Del grande artista sono anche i disegni preparatori per lo splendido mosaico della cupola. Si prosegue per raggiungere la Chiesa di Sant’Agostino in Campo Marzio dove si può ammirare lo splendido affresco del Profeta Isaia di Raffaello, realizzato negli stessi anni in cui Michelangelo lavorava alla Cappella Sistina in Vaticano. l’itinerario comprende anche la Chiesa di Santa Maria della Pace dove si trova la splendida opera di Raffaello rappresentante Sibille ed Angeli per terminare al Pantheon, luogo in cui in grande artista riposa. (Non sono previsti ingressi a pagamento)

Sabato 8 febbraio appuntamento davanti all’ingresso del Palazzo della Cancelleria in piazza della Cancelleria per la visita con ingresso speciale del Palazzo e dei suoi sotterranei. Il Palazzo fatto costruire alla fine Quattrocento dal grande Cardinale Raffaele Riario nipote di Papa Sisto IV, conserva al suo interno la Sala Riaria e la celebre Sala dei Cento giorni affrescata da Giorgio Vasari per il cardinale Farnese.

Visiteremo con ingresso speciale anche la cappella Salviati e i sotterranei del Palazzo dove, immersi in un insolito laghetto, si trovano i resti del sepolcro di Aulo Irzio, luogotenente di Giulio Cesare, autore dell’ultimo libro del De Bello Gallico e console di età augustea.

Il Palazzo, proprietà esclusiva della Sede Apostolica è zona extraterritoriale ed ospita al suo interno la Rota Romana, la Segnatura Apostolica e la Penitenzeria Apostolica.

Con lo stesso biglietto sarà possibile visitare anche il museo delle macchine e delle invenzioni di Leonardo da Vinci allestito al piano terreno del Palazzo.

Biglietto di ingresso euro 7.

Costo visita guidata euro 7 (riduzioni per ragazzi).

Prenotazione obbligatoria a info@arttur.it oppure a Federica 3356525919 o Lara 3397138467 con sms.

Appuntamento domenica 15 dicembre alle ore 10.30 in Piazza Barberini, presso la Fontana del Tritone. Da qui iniziamo la nostra passeggiata in quello che è stato il dominio della secentesca famiglia Barberini. Qui c’era il teatro e il famoso piazzale della Cavallerizza dove la famiglia organizzava spettacolari messe in scena, come quella in onore della regina Cristina di Svezia. Ci spostiamo poi verso il Palazzo, oggi sede della Galleria Nazionale d’arte Antica, progettato dai più grandi architetti dell’epoca come Gianlorenzo Bernini e Francesco Borromini a lustro della famiglia. Raggiungeremo il lato posteriore per vedere quello che resta del famoso giardino un tempo popolato da fiori e piante straordinarie. Dal Palazzo, percorrendo la tristemente celebre via Rasella, raggiungeremo la Fontana di Trevi e la celebre Piazza della Pilotta dove sin dal XVI secolo si giocava al gioco della palla, portato a Roma dai fiorentini dopo il Sacco di Roma. Sulla piazza affaccia anche il palazzo sede della Pontificia Università Gregoriana.  Raggiungiamo quindi attraverso la via della Pilotta un altro celebre palazzo nobiliare, creato per la più antica famiglia nobiliare di Roma ancora esistente: il Palazzo Colonna. L’immobile ancora oggi occupa gran parte delle pendici del colle del Quirinale ed è collegato attraverso quattro ponti ai suoi giardini. La nostra passeggiata finisce a Piazza Venezia dove potremo ammirare il famoso “spelacchio”  inaugurato l’8 Dicembre e dove potremo scambiarci gli auguri di Natale.
Prenotazione obbligatoria a info@arttur.it oppure per sms 3356525919 (Federica)-3397138467(Lara); Costo della visita guidata euro 7 (compreso auricolare se necessario); ragazzi fino a 18 anni euro 3; bambini fino a 10 anni euro 1,50.

Domenica 13 ottobre appuntamento alle ore 10.30 presso la Colonna di Traiano per visitare i Fori Imperiali. Si entrerà nell’area archeologica presso  il nuovo ingresso alla Colonna di Traiano.  Visiteremo il foro di Traiano e il foro di Augusto per arrivare, attraverso passaggi sottostanti la via dei Fori Imperiali, al Foro di Giulio Cesare e di Nerva. Un  suggestivo viaggio nella storia imperiale e moderna per comprendere la stagione dei grandi scavi e sventramenti degli anni 30. Del tutto insolita la passeggiata tra le cantine degli edifici evacuati e distrutti per fare spazio alla grandiosa nuova strada evocativa della potenza dell’Impero romano.

Gratuità con MIC card. Per chi la deve rinnovare opportunità di farlo ai mercati di Traiano, centrale Montemartini, musei capitolini.

Biglietto senza MIC CARD euro  16 per gli adulti,  gratuito per i ragazzi fino a 18 anni.

Costo della visita guidata euro 7 per gli adulti, euro 3 per i ragazzi e bambini fino a 18 anni.

Proponiamo una splendida passeggiata nel cuore di Roma alla scoperta di luoghi inediti e suggestivi. L’itinerario parte da Piazza di Trevi. A pochi passi dalla più celebre Fontana del mondo, in uno strettissimo vicoletto, si apre l’ingresso all’area del Vicus Caprarius  o Città dell’Acqua. Scendendo diversi metri sotto il livello attuale si ammirano i resti di una insula romana e di una cisterna di II secolo rinvenuti durante i lavori per la costruzione di un ristorante. La passeggiata prosegue seguendo il percorso dell’antico acquedotto Vergine voluto dall’Imperatore Augusto nel 19 a.C. e realizzato dal suo generale Agrippa. Raggiungiamo infine il piano interrato del nuovo edificio della Rinascente, dove, proprio durante i recenti lavori di ristrutturazione, sono venute alla luce importanti resti archeologici. Infine si raggiunge la terrazza panoramica dell’edificio per un drink sui tetti di Roma e in particolare sullo splendido campanile della chiesa di San Andrea delle Fratte, opera virtuosistica del Borromini.

GLI SCAVI DI POMPEI – ESCURSIONE DI UNA INTERA GIORNATA

villa_dei_misteriPartenza ore 7.30 da Stazione Ostiense (Piazzale dei Partigiani) con Bus GT privato. 
Arrivo a Pompei per le ore 10.30 circa.
Visita guidata degli Scavi con archeologo guida turistica di Pompei e auricolari!
Pranzo al Sacco presso area ristoro interna agli scavi.
Partenza per il rientro ore 17.00
Arrivo a Roma per le ore 20/20.30

Il pranzo al sacco è pensato per darci modo di rimanere a visitare gli scavi anche nel primo pomeriggio. All’interno dell’area archeologica ci sono aree per la sosta e un punto ristoro Autogrill.

Per informazioni e prenotazioni (da confermare entro il 25 aprile) info@arttur.it  oppure 3356525919 (Federica ) o 3397138467 (Lara).

Domenica 7 aprile con appuntamento alle ore 10 presso la biglietteria degli scavi, visitiamo con ingresso gratuito gli scavi di Ostia Antica. Il porto fluviale di Roma, centro commerciale di prima importanza fino al III-IV secolo d. C., ancora oggi ci affascina e ci permette di ricostruire la vita quotidiana di epoca romana. Visiteremo il teatro romano, le terme del foro, il thermopolium, cioè un bar dell’antichità, il capitolium, tempio dedicato a Giove, il mulino…Appuntamento all’ingresso degli scavi alle ore 10. Verso le ore 13 faremo una breve pausa per il pranzo quindi proseguiremo per la Necropoli di Porto all’isola Sacra. Un luogo dove il tempo si è letteralmente fermato. La sabbia ha conservato in modo eccellente camere funebri, banconi per banchetti, mosaici, edifici, iscrizioni, a volte anche intonaci dipinti. Ingresso ad entrambe le aree gratuito. Costo di ciascuna visita guidata euro 10. Euro 3 per bambini fino a 10 anni, euro 6 per ragazzi fino a 18. Ci si può prenotare anche ad una sola delle visite. Prenotazione obbligatoria a info@arttur.it o per sms a 3356525919 (Federica) o 3397138467 (Lara ).

Domenica 24 marzo visiteremo con permesso speciale l’Auditorium di Mecenate. Il monumento, facente parte di un complesso più ampio identificato con la Villa di Mecenate, venne portato alla luce nel 1874 durante i lavori di sbancamento previsti dal Piano Regolatore per il nascente quartiere Umbertino sull’Esquilino. E’ un’aula absidata semisotterranea costruita alla fine dell’età repubblicana su un tratto delle Mura Serviane. La denominazione dell’edificio risale al momento della scoperta. Si ritenne infatti che si trattasse di un auditorium, un odeon (piccolo teatro coperto) all’interno degli Horti di Mecenate. La decorazione pittorica risalente agli inizi del I secolo d.C. presenta motivi di candelabri e pavoni su fondo rosso, scene di giardini con piante, fiori, uccelli, per dare l’illusione di finestre aperte su spazi verdi. Sopra le nicchie della sala rettangolare corre inoltre un fregio dipinto in nero con soggetti dionisiaci. L’edificio doveva avere la copertura a volta. Le soglie delle nicchie e la gradinata dell’esedra erano ricoperte da lastre di marmo. Sulla parete esterna dell’emiciclo era dipinto inoltre un epigramma di Callimaco allusivo agli effetti del vino durante il simposio. Proseguiremo con una passeggiata alla scoperta di alcuni tratti superstiti delle prime Mura di Roma: le Mura Serviane. Ed infine raggiungeremo l’Arco di Gallieno, porta monumentale delle antiche mura trasformata nel terzo secolo in arco dedicato all’imperatore Gallieno. L’arco ancora oggi è visibile, addossato alla chiesetta dei SS.Vito e Modesto.

Appuntamento ore 9.45 in Largo Leopardi. Ingresso con permesso speciale: euro 5; ridotto 4; gratuito per i possessori di Mic Card. Costo della Visita guidata: euro 7; euro 3 per ragazzi fino a 18 anni; euro 1,50 per bambini fino a 10 anni. Prenotazione obbligatoria a info@arttur.it; oppure per sms a 3356525919 (Federuica ) o 3397138467 (Lara).